Ancora in vacanza, lasarùn!

Lupino di mare

Vacanze settembrine per Stupid Dave al seguito della famiglia.

Nuvole e pioggia sugli ultimi giorni di riposo, tristezza immensa di fronte al decadente paesaggio di una spiaggia vuota e della stagione giunta ormai al suo epilogo. Pensieri cupi o semplice paura dell'inevitabile autunno di violenza che come tutti gli anni investirà il derelitto? Pugni, calci, occhi pesti e birra ba¢o precio, ecco cosa aspetta il poveretto al ritorno a Milano. Terrore nell'abbandonare questi lidi!

mmMatteo
mmMatteo | 17th Sep 2015, 12:04
Un lupo di mare! Bellissimo.

Dave, resta al mare, non tornare alla brutta città!

davide
davide | 17th Sep 2015, 12:29
Domenica il treno e ciuff-ciuff (non alla Stan Tuff, sia chiaro!) dopo SOLE tre ore si è a Milano pronti per una compilation di schiaffazzi in ufficio il lunedì mattina!

Fabio
Fabio | 19th Sep 2015, 14:35
Umbre de muri, muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è che n'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
e u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria
E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu mialle senza u gundun

E a 'ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä

...Mi permetto di accostare al bruto muso ed un triste cielo parole d'un capolavoro di musica e frasi que imaginando dipingon quadri d'impressionismo dai tratti cupi a testimoniar durizie et dolori da sulliviar co'semplici plazeri. Comme mainè, un po più a ponente veggiamo l nostro lupino guatar lontano, pipin fumino aderir labbrino del mascellino et disutt'annubi iscure ch'ascureggiando aulezzan l'sentimento. Un ritorno tempràno in quella Milàno che tutti odiàno mappoi ritornàno lassando Loàno et pè ispanarsi lo àno nel tristo lugar Ambrosiano dal core villàno che tutti strillàno, com bellue abbaiàno et nel grande baccàno dall olezzo insàno di ciclopentàno et ciclar contromàno, ah profàno! et bestemmiar maremmàno per aparcar lo medio meccàno a l'umbra d'ontano et non si' lejano de dove industrial capitàno gli smonterà l'deretano per haber sottomàno financo l mercato marziano. Ah potessero restar su freschi litorli. Dave non parti non vadi, vi resti !!!!

davide
davide | 23rd Sep 2015, 21:39
> ritornàno lassando Loàno et pè ispanarsi lo àno

Esatto, proprio quello è accaduto al ritorno a Milàno!

anonymous
insert username
insert antispam code
captcha captcha refresh