Ultimi giorni di gennaio!

I giorni della merla sberla

Giulia cresce, è ora di raccontarle qualche storia della tradizione. Come non approfittare degli ultimi tre giorni di Gennaio? I più freddi (mah...), i più ululanti di vento, neve e ghiaccio (ma quando?). Ah Dave, hai sperato di mostrare la tua saggezza (MA QUALE?) ai figli... Nulla da fare, anche questa volta. Fossi in te, tra l'altro, starei attento ad aver tirato in ballo la merla, dicono sia vendi-CATTIVA! Ocio a quello che piove dal cielo, caro Dave!

Piccola nota: s', proseguo con la sag(r)a delle finestre. Meno ambient da disegnare, meno etereo rispetto agli sfondi dei disegni precedenti. Quando avrò più di dieci minuti settimanali da dedicare a questoi progetto, FORSE cambierò ambientazione.

License: cc by-nc-sa

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

Fabio
Fabio | 01st Feb 2020, 11:44
Mi par di scorgere in questo minimalismo pittorico il senso di smarrimento dinanzi alle disillusioni delle nuove generazioni. Al giorno d'oggi abbiamo perso la poesia et lo mistero che permeava le storie che i nostri nonni ci contavano....Fra le tante ricordo alcune che ancor mi fan piacere...giovinissimo ero et quando chiesi da dove veniva il tuono nonna mi conto' che "l'era culpa del Diavul ch'el guigava ai bocc" et cosi' anche quando volli saper perche' nevicava...ella mi disse "Gh'è San Peder che spenna i gainn"...Sicchè peccato davvero che oggi puossan essere disvelati rapidamente le verità più razionali !! Un colpo al mondo di fantasie puerili ! Dunque....W le Merle !!

anonymous
insert username
insert antispam code
captcha captcha refresh