Apocalisse sportiva!

ApocalIKEA

Difficile, ma è successo! L'Italia calcistica resta al palo e non si qualifica per i Campionati Mondiali di Russia 2018. Gode la Svezia, nostra avversaria nello spareggio di qualificazione. Godono un pò meno alcuni guappi che avrebbero voluto mettere Milano a ferro e fuoco, una volta usciti dallo stadio San Siro, per festeggiare il passaggio del turno.
Stupid Dave ovviamente ha visto la partita e ha sofferto il giusto (forse un pochino di più, dài, ammettiamolo, sigh...), ma a cose fatte ritorna alla sua routine, in questo caso montare un mobile IKEA. Pessima mossa, quantomeno la sera stessa della partita.

Disperazione settimanale: l'IKEA c'entra poco, ma la Nazionale... VAFFANCULO!

License: cc by-nc-sa

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

 

Scrivo da un computer di fortuna, mannaggia lo spinotto sifulo.

Nutrire il pianeta

Nonostante Stupid Dave sia un convinto No Expo, anch'egli è affascinato dal tema della manifestazione, "Nutrire il pianeta". Approfitta quindi dei piccoli semi comprati all'IKEA di Via Vigevano per coltivare il suo piccolo e povero orticello: prezzemolo, basilico, menta piperita e tre semi di limone che danno molte soddisfazioni. Acqua quando ci vuole, sole per quanto ne arriva alla finestra del salotto e tanto amore. Tuttavia la menta piperita non accenna a dare segni di vita: un piccolissimo filo verde e nulla più. Chissà come mai le cure non bastano. Forse perchè ci sono dei loschi personaggi inneggianti a SEXPO che aggiungono attenzioni non richieste? Fossi in Stupid Dave rinuncerei ad assaggiare un bel mojito.

Disperazione settimanale, il mio orticello poverello.

License: cc by-nc-sa

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.

 

non ce la faccio più... 5 minuti per aggiornare la mia presenza nel MIO sito me li prendo.
che dire di questo 2009? sto impazzendo con la casa nuova:

- l'ikea non mi ha ancora consegnato la cucina,
- metà dei caloriferi non vanno e intendono spaccarmi i muri appena stuccati e ridipinti. ah, già: naturalmente vogliono che io e nadia paghiamo le spese per poi (forse) rimborsarcele tramite assicurazione,
- la cantina non salta fuori fino al 20 gennaio (e chissà se per quella data l'avremo veramente), siamo costretti a vivere con mobili smontati e scatoloni in casa perché non possiamo portarli giù.

sto impazzendo con la casa vecchia:

- devo disdire la vecchia TARSU ma pagherò comunque fino a fine febbraio perché la vecchia amministrazione non mi ha avvisato per tempo,
- QUELLE MERDE di fastweb non mi hanno ancora disdetto l'abbonamento di via bengasi dopo più di due mesi. teste di cazzo bastardi, non sanno neanche dove abito, non mi potranno addebitare nulla, anche se devono a me e matteo 80 euro,
- l'amministrazione ha ancora in ostaggio la caparra di 2800 euro (metà sono di matteo) fino a quando non verificherà in che stato è la casa.

stasera vado da quella a cui io e nadia dovremmo (perché oramai il condizionale è proprio d'obbligo) pagare l'affitto. gennaio salta, mi spiace per lei, ho solo voglia di dirglielo in faccia invece che con una semplice email o metterla di fronte al fatto compiuto. va bene essere giovani e avere spirito di adattamento, ma ora si esagera: se devo adattarmi a lavarmi la mattina in un bagno sui 10 °C lo faccio. ma non mi possono chiedere né di essere contento, né di pagare per dei servizi di cui non usufruisco.

ho iniziato il 2009 in modo belligerante, lo so, ma non avevo fatto buoni propositi. d'altronde li ho fatti nel 2007 e nel 2008. della lista restano solo:

1. fare un sacco di soldi
2. eliminare i miei nemici (che stanno aumentando di anno in anno...)

stasera inizierò col numero due. angry